• Il Bitcoin è precipitato di oltre il 4 per cento a seguito del suo aumento esplosivo verso gli 11.500 dollari di lunedì.
  • La tendenza al rialzo della cripto-currency si è anche stabilizzata sulla riduzione del sentimento di rischio in seguito alla riunione di due giorni della Federal Reserve sulle politiche della Federal Reserve.
  • Nik Yaremchuk, un trader e analista di crittografia indipendente, ha nel frattempo evidenziato un tetto storico dei prezzi vicino al livello di 11.000 dollari che ha fatto scendere Bitcoin in diverse occasioni.

Mentre il prezzo del Bitcoin ha continuato a tentare un breakout sopra gli 11.500 dollari all’inizio di questa settimana, ha controbilanciato queste mosse con la presa di profitto.

I grafici, come quello riportato di seguito, hanno mostrato i trader in uno stato confuso non appena il tasso di cambio BTC/USD ha raggiunto gli 11.420 dollari lunedì. Non tutti, ma alcuni di loro hanno deciso di liquidare le loro posizioni al rialzo per assicurarsi un profitto a breve termine. Questo ha portato la coppia ad un abbassamento del 7,40% (verso i 10.575 dollari).

Entrando nella sessione di trading del mercoledì, Bitcoin Trader ha recuperato parte delle sue perdite intraday con una modesta mossa al rialzo. La cripto-valuta è salita dello 0,23 per cento a 10.959 dollari, ma è rimasta circa il 4 per cento al di sotto del suo ultimo massimo. Giovedì, tuttavia, è stata scambiata di nuovo al ribasso, lasciando intravedere un trend correttivo o di consolidamento.

INCONTRO FED

Anche la tendenza al rialzo di Bitcoin si è interrotta mentre gli investitori valutavano l’esito della riunione di due giorni della Federal Reserve di mercoledì.

Come anticipato, la banca centrale statunitense ha ribadito il suo sostegno all’economia colpita dalla pandemia COVID. Ha lasciato i tassi di interesse vicino allo zero e ha confermato che avrebbe continuato a detenere il Tesoro e altri titoli.

La politica di allentamento ha spostato gli investitori verso i mercati a rischio. Alla chiusura di mercoledì, la media industriale del Dow Jones è salita di 160,29 punti, o 0,6 per cento, a 26.539,57. Nel frattempo, l’S&P 500 è salito di 40 punti, o 1,2 per cento, a 3.258,44. Anche il Nasdaq Composite, che è un prodotto tecnico pesante, ha guadagnato 140,85 punti, o l’1,4 per cento, a 10.542,94.

Una buona notizia per Bitcoin, in mezzo a un crescente appetito per gli asset a rischio, è stato un biglietto verde in calo. L’indice del dollaro USA ha mostrato pochi segnali di ripresa – una piccola spinta al rialzo giovedì, ribadendo il timore degli investitori di un’inflazione dovuta all’infinita offerta di denaro della Fed.

Peter Schiff, critico hardcore bitcoin e toro d’oro, ha detto che la politica della Fed spingerà gli Stati Uniti in „uno dei più grandi periodi inflazionistici della storia del mondo“.

„Ogni credibilità che la Fed ha lasciato andrà perduta“, ha aggiunto. „La Federal Reserve Notes presto non varrà più un Continental“.

LIMITAZIONI TECNICHE BITCOIN, D’ALTRA PARTE

È probabile che i rendimenti del dollaro USA e dei titoli del Tesoro risentano dell’impatto delle politiche di allentamento della Fed. Le loro prospettive ribassiste hanno già raggiunto i rispettivi minimi storici, spingendo gli investitori verso mercati più rischiosi. Di conseguenza, i beni rifugio come il bitcoin e l’oro sono aumentati in modo impressionante nelle ultime due settimane.

„C’è molto sangue nell’acqua del vecchio sistema e i tori Bitcoin lo percepiscono“, ha detto un trader di crittografia. „I banchieri centrali non hanno altra scelta se non quella di continuare a stampare quantità sempre maggiori fino a quando la carta non sarà gravemente svilita, con il risultato di un crollo catastrofico del dollaro statunitense e dello [yen giapponese]“.

Poiché i fondamentali favoriscono Bitcoin, i trader stanno ancora osservando la criptovaluta per qualsiasi segno di picco dopo il suo ultimo rally.

Nik Yaremchuk, un trader di crittografia indipendente e un analista a catena, ha detto martedì che il bitcoin sta affrontando una notevole pressione di vendita vicino agli 11.000 dollari, un livello che ha una storia di rifiuto dei rally della crittovaluta e, per peggiorare la situazione, ha abbassato il suo prezzo.

„In questo momento, c’è una forte resistenza sopra di noi che ci accompagna dal 2018“, ha scritto Nik.

L’indicatore giornaliero della forza relativa di Bitcoin, ora vicino al 78, mostra anche il trading di criptovaluta all’interno di un’area di ipercomprato. Questo equivale ad un’ulteriore correzione al ribasso.